Erika Puddu Passione Burlesque


Ciao mi chiamo Erika Puddu e seguirò questa rubrica dedicata al Burlesque.

In realtà nella vita sono un’attrice /ballerina, ma da un po’ di anni è nata in me la passione per il Burlesque; non sono una Performer Burlesque, il mio interessamento è soprattutto dal punto di vista didattico, culturale e sociale. Devo il mio avvicinamento al Burlesque al regista e coreografo Gino Landi, che dopo un provino mi scelse come una delle protagoniste di una Commedia Musicale ispirata al Burlesque.

Da lì mi si aprì un mondo nuovo: la prima cosa che imparai fu che il Burlesque, non era un semplice spogliarello, come comunemente ed erroneamente viene considerato, ma un’arte completa le cui origini sono lontane. Sono passati tre anni da allora e la mia passione per il Burlesque è cresciuta, una passione che per me è diventata lavoro con l’apertura di corsi, avvalendomi della mia esperienza di insegnante di danza , e la costruzione e messa in scena di spettacoli teatrali che sfruttano l’arte del Burlesque ,dove le artiste non sono professioniste, ma donne che hanno trovato nel Burlesque un qualcosa col quale mettersi in gioco, col quale divertirsi, col quale conoscere e stringere amicizie…e forse questa è la forza di questi spettacoli!

Mi sono resa conto quanto i corsi di Burlesque stiano prendendo piede perché il vero successo di questa arte è dato dal fatto che non si cerca la donna perfetta fisicamente, ma ogni donna con il suo corpo, le sue curve può esprimere femminilità, sensualità, divertirsi e divertire, i difetti diventano pregi da valorizzare e mettere in mostra.

Chi frequenta i miei corsi? Si tratta di donne comprese tra i 20 e i 60 anni, casalinghe, mamme, professioniste, impiegate, studentesse, sposate, separate, fidanzate o single…si iscrivono al corso per motivi vari: per superare problemi col proprio corpo, per curiosità, per seguire un’amica, semplicemente per divertirsi e diventare più sensuali, poche perché hanno come obbiettivo di diventare delle Performer Burlesque, anche se poi ci si appassiona a tal punto che molte lo sognano…ma poche poi lo diventano veramente!

Tutte però finiscono il corso con un bagaglio che permetterà loro, di avere coscienza del proprio corpo’, migliorando il loro modo di relazionarsi con gli altri, acquistando più fiducia in sé stesse, migliorando la propria autostima, perché ci si accetta così come si è e si riesce con il proprio corpo ,che ormai apprezziamo anche con un po’ di pancetta e rotolini ,a valorizzare il personale modo di essere donna e femminili , a far uscire la diva che è in noi che spesso teniamo nascosta.

Il fine è quello di eliminare le resistenze ed i blocchi psicologici che non permettono al corpo di esprimersi, solo così si può abolire la distanza tra la testa che comanda ed il corpo che esegue, superando le inibizioni che non ci permettono di esprimere al meglio la nostra sensualità. Ma non solo: le lezioni di Burlesque si basano molto sul movimento, sulla danza, per cui, si migliora l’elasticità e la forza muscolare, si migliora l’allineamento posturale, camminando in modo corretto sui tacchi, si migliora il senso ritmico e la percezione dello spazio; ma soprattutto il riuscire a lasciarsi andare, giocare ed ironizzare col proprio corpo, con la propria sensualità ed essere donna, migliora la vita ed il rapporto con gli altri.

Il mio consiglio è quello di dare sempre libero spazio all’immaginazione, alla fantasia, alla creatività, alle emozioni individuali, scoprendo il proprio personale modo di esprimere la seduzione; la danza e la recitazione molto presenti nel Burlesque aiutano a far venire fuori le emozioni vere, fondamentali nell’arte del burlesque. Le Performer di Burlesque piacciono e sono vincenti soprattutto fra le donne perché sono donne vere, donne come noi…donne tra di noi!

Previous Intervista alla fotomodella Dalila De Masi
Next Dai concorsi di bellezza fino alla Rai

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *