Intervista a Monica Campesi


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Monica benvenuta ad Art Report. Raccontaci qualcosa di te…

Monica Campesi:

Mi chiamo Monica Campesi, sono nata a Cagliari, figlia di papà sardo e mamma siciliana, lavoro come modella e come insegnante in una scuola professionale di estetica e sono una persona con l’argento vivo addosso, non riesco a stare ferma..

Come e perché ti sei avvicinata al mondo della moda?

Monica Campesi:

E’ nato tutto per gioco, mi trovavo in vacanza a Sharm el Sheikh e mi chiesero di partecipare ad un concorso di bellezza molto conosciuto da quelle parti, all’inizio mi misi a ridere e risposi con un “no grazie, sono solo in vacanza”, poi mi feci convincere dai miei amici e così, per farli divertire un po’, accettai… e vinsi. Fui poi chiamata per la finalissima dove mi classificai terza e da li il gioco si è tramutato in una vera e propria professione.

La prima cosa che vai a vedere in una tua fotografia, quella che  noti immediatamente? 

Monica Campesi:

Inizialmente vedevo i miei occhi impauriti, come a dire “sono troppo idiota in questa veste?”, adesso vedo una persona a suo agio, dallo sguardo deciso.

Possiamo dire che il 2014 fino ad ora è stato l’anno migliore a livello professionale, tra il calendario e la tua presenza a Striscia la notizia?

Monica Campesi:

Indubbiamente. Sono 2 anni che lavoro come modella ed il primo anno è stato diciamo un ‘rodaggio’, questo è indubbiamente l’anno più proficuo a livello professionale dove sto raccogliendo le maggiori soddisfazioni.

Una domanda che avrei sempre voluto fare ad una fotomodella. Qualche volta può essere “brutto” essere bellissima come lo sei te?

Monica Campesi:

Te la giro così: è brutto sentirsi dire di essere bellissima e vedersi invece con mille difetti!

 

Qual è il rapporto con i social network come Facebook e twitter? Tu sei sempre collegata oppure ogni tanto stacchi?

Monica Campesi:

Sono spesso collegata per gestire il mio spazio su facebook, è la vetrina tramite la quale metto in mostra le mie potenzialità ed i miei lavori e grazie proprio a questo social ricevo molte proposte lavorative. Beh, poi ogni tanto staccare non fa male

Quali pregi e difetti ti riconosci?

Monica Campesi:

Un pregio, l’umiltà. Un difetto, l’insicurezza. Ma, come dico sempre, meglio insicura che a “3 metri sopra il cielo”!!

Ci dici qualcosa su quello che definisci il tuo secondo hobby?

Monica Campesi:

Il mio secondo hobby è la pittura. Sono molto incostante in questo, ma quando mi prende l’ispirazione prendo tela e pennelli e do sfogo alla mia creatività.

Parlaci dei tuoi progetti per il futuro?       

Monica Campesi:

Progetti per il futuro? Il futuro è adesso… Ciò che sarò domani sarà il frutto delle mie scelte di oggi. Non sono mai stata una grande ‘progettista’, tutto ciò che erano i miei progetti sono poi andati stravolti da intuizioni sopraggiunte lungo il cammino. Sono in continua evoluzione e sono sempre pronta a raccogliere nuove sfide. D’altronde sono una creativa: alla tela della mia vita non smetto mai di aggiungere nuove spennellate di colore!

Previous Teatro della Pergola di Firenze stagione 2014/15
Next Adriana Peluso: ci racconta il suo Gf 12

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *