La scuola delle mogli


Dal 5 al 17 maggio al Teatro Quirino, Roma

di Molière

con Enrico Guarnieri
e con Nadia De Luca, Rosario Marco Amato, Vincenzo Volo, Amalia Contarini, Mario Sapienza, Pietro Barbaro, Ciccio Abela, Gianni Fontanarosa
scene Salvo Mangiagli
costumi Riccardo Cappello
disegno luci Andrea Chiavaro

regia Guglielmo Ferro

produzione ABC Produzioni

Personaggi e interpreti:
Arnolfo Enrico Guarneri
Agnese Nadia De Luca
Orazio Rosario Marco Amato
Alano Vincenzo Volo
Giorgina Amalia Contarini
Notaio Ciccio Abela
Don Blasco Pietro Barbaro
Salvatore Mario Sapienza
Don Gesualdo Gianni Fontanarosa

Lo spettacolo ha una durata di 2 ore più intervallo

————-

Commedia con un meccanismo comico perfetto, che mantiene intatto il fascino elegante di una macchina teatrale molto curata e rifinita.

Attraverso una rilettura in siciliano, attenta a non intaccare la struttura della commedia, i personaggi acquistano una nuova linfa che si inserisce nel solco che la grande tradizione teatrale siciliana ha percorso, anche attraverso la traduzione di un dialetto di classici, dei più grandi drammaturghi di ogni tempo.

Un mondo sicuramente a misura di un interprete come Enrico Guarneri che attraverso una vis comica forte ed energica fa rivivere con slancio il personaggio di Arnolfo.

Una scuola delle mogli mediterranea che condivide un meccanismo che qui ripercorre l’improbabile e claustrale educazione che l’anziano Arnolfo pretende di imporre ad Agnese, che intende sposare, per garantirsene la fedeltà.

Si tratta infatti, oltre che di una traduzione, di una riscrittura ottenuta adoperando i modi di dire e di fare isolani. Il risultato è un testo estremamente efficace che, mantenendo intatta la sua struttura drammaturgica, restituisce il sapore e il colore della commedia originale. [Guglielmo Ferro

Jesus Christ Superstar al Sistina
Palinuro Teatro Festival – IV Edizione
Lillo & Greg in “Il mistero dell’assassino misterioso”
Previous Chiara: Al via il 27 aprile da Bologna il suo ‘Straordinario tour 2015′
Next intervista a Manila Boff

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *